Chiave per l’antifurto di casa: come funziona

chiave antifurto casa

La chiave per l’antifurto della casa dà la possibilità di controllare tutte le componenti del sistema di allarme. Si tratta di una chiave elettronica, strumento molto utile che tutti dovremmo possedere, quando abbiamo deciso di installare un sistema di protezione per la nostra abitazione. Infatti la chiave elettronica può essere anche un’alternativa al tradizionale telecomando. Ma cosa sono esattamente queste chiavi elettroniche e come possiamo impiegarle per controllare il sistema di allarme della nostra casa? Andiamo più a fondo, distinguendo anche le diverse tipologie che possiamo trovare in commercio.

Le tipologie delle chiavi per l’antifurto della casa

È facile capire come funziona la chiave per l’antifurto. Si tratta infatti di uno strumento da inserire in una fessura con placchette metalliche. In questo modo la chiave elettronica viene in contatto con il sistema di protezione della casa.

In questo senso le chiavi elettroniche possono corrispondere a diverse esigenze, come, per esempio, la possibilità di attivare o disattivare il sistema oppure l’opportunità di autorizzare qualcuno ad entrare in un’area protetta.

Esistono varie tipologie di chiavi che possiamo utilizzare per l’antifurto installato a casa. Per esempio ci sono delle chiavi magnetiche che funzionano quasi come le carte contactless. Non dobbiamo fare altro che toccare una placchetta a muro, per poi procedere con l’attivazione o con la disattivazione dell’allarme.

Inoltre dobbiamo nominare anche le chiavi a sfioro, che funzionano sfruttando un sensore di prossimità. Basta appoggiare soltanto lo strumento su una placchetta collocata su una parete, per accedere a numerose funzionalità.

Quali sono gli altri sistemi di controllo per un antifurto

Le chiavi elettroniche per controllare l’antifurto della casa rappresentano sicuramente un’ottima opportunità da sfruttare. Ormai i sistemi dotati tecnologicamente offrono quasi tutti questa possibilità, altrimenti si può ricorrere al telecomando.

Ma ci sono moltissimi sistemi per controllare, attivare e disattivare il nostro sistema di protezione per l’abitazione. Per esempio possiamo ricorrere alle tastiere, anche a quelle con visore LED o LCD, oppure, nei sistemi ancora più avanzati, esiste la possibilità di utilizzare i sensori biometrici. A volte ci sono sistemi di controllo che sfruttano anche le impronte digitali per far funzionare il sistema antifurto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *