Come configurare una telecamera IP

configurare telecamera IP

Molti si chiedono come configurare una telecamera IP. Vediamo di capirne di più a questo proposito, anche perché queste tipologie di telecamere sono quelle di ultima generazione per quanto riguarda il campo della videosorveglianza. Le telecamere IP si sono affermate con la diffusione sempre più ampia dei dispositivi mobili e con la crescita di internet. Infatti con smartphone e tablet si può essere connessi sempre, anche quando si è fuori casa. Le telecamere per la videosorveglianza sono molto utili, perché danno la possibilità di tenere sotto controllo ciò che accade in casa anche attraverso i dispositivi mobili.

Le regole base per l’installazione

A differenza di quanto possano pensare alcuni, installare una telecamera IP non è assolutamente qualcosa di così complicato. Per installare le telecamere IP, queste devono essere collegate ad un modem o ad un router tramite la tecnologia Wi-Fi, se il modello che abbiamo scelto la prevede, oppure utilizzando un cavo Ethernet.

A questo punto bisogna mettersi davanti ad un computer collegato alla rete e che sia collegato anche al dispositivo legato alla videocamera.

Sul computer bisogna installare il software che viene venduto insieme al dispositivo e poi arriva il momento della configurazione vera e propria.

La configurazione della telecamera IP

Mantenendo la telecamera accesa, digitiamo al computer l’indirizzo IP. Poi passiamo a configurare le password di accesso, immettendo al computer il nome della rete e poi ancora l’indirizzo del protocollo TCP-IP. Usiamo il gateway predefinito.

Prendiamo nota anche dell’indirizzo IP, perché ci serve, visto che dobbiamo passare successivamente alla configurazione del port forwarding. Attraverso quest’ultimo abbiamo la possibilità di accedere alla telecamera anche quando ci troviamo al di fuori della nostra rete locale.

Spostiamoci sull’indirizzo IP del router ed entriamo nella sua pagina di configurazione. Cerchiamo poi nelle impostazioni avanzate, fino a trovare la funzione port forwarding. Diamo un nome al servizio e installiamo sullo smartphone il software per la gestione remota della telecamera.

In questo modo saremo pronti per poter tenere sotto controllo la situazione in casa anche tramite i nostri dispositivi mobili, per poter intervenire tempestivamente nel caso in cui riscontriamo che ci sia qualcosa che non vada per il verso giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *