Sensori di presenza da esterno: vantaggi e come installarli

sensori di presenza da esterno

I sensori di presenza da esterno svolgono un ruolo di primo piano nel proteggere le nostre abitazioni. Come indicano le ultime indagini sull’argomento, i furti in casa sono in aumento, per cui è necessario difendersi dalle intrusioni da parte di malintenzionati. Molti scelgono di abbinare al classico antifurto dei sensori di movimento molto performanti. La loro funzione è fondamentale perché danno la possibilità di rilevare il passaggio di un individuo in un determinato ambiente da proteggere. Scopriamo quali sono tutte le funzioni dei sensori di presenza da esterno e perché sono importanti.

Perché sono importanti i sensori di presenza per la casa

Di solito chi vuole acquistare i sensori di presenza può trovarli in abbinamento agli impianti antifurto per le abitazioni. Tuttavia questi sensori si dimostrano molto diffusi perché hanno anche altre funzioni. Per esempio possono essere collocati vicino ai cancelli elettrici oppure possono essere utilizzati per l’accensione delle luci esterne delle case.

In genere questi sensori funzionano misurando i raggi infrarossi che vengono generati dalle cose o dalle persone in movimento. Infatti sono in grado di intercettare proprio la quantità emessa di raggi infrarossi, per agire di conseguenza.

Fra i sensori di movimento molto utilizzati sono anche quelli volumetrici. Anche questi sono molto importanti, perché sono dotati di una particolare tecnologia che consente di codificare le radiazioni elettromagnetiche.

Come installare i sensori di presenza

È davvero essenziale affidarsi per l’installazione dei sensori ad un professionista del settore. In realtà il loro schema di installazione non è molto complesso da comprendere e da mettere in atto. Quindi potrebbe essere utile anche provvedere ad un’installazione comunque completa, se si ha qualche competenza e qualche conoscenza minima di ciò che riguarda questa tecnologia di funzionamento.

Ma dove collocare questi sensori? Si dovrebbe sempre pensare a predisporli in modo da garantire la massima protezione nei punti più vulnerabili degli ambienti.

Non esistono soltanto i sensori filari, perché i sensori di presenza sono molto utilizzati anche nella loro tipologia wireless. Tutto dipende dal tipo di abitazione, dalla sua strutturazione e dalle esigenze di ciascuno di noi. Da ricordare una tipologia molto utile di sensori di presenza, che sono quelli magnetici, che servono a rilevare il movimento di porte e finestre e assicurano un alto grado di protezione nelle nostre abitazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *